Italiano
HermesHotels.com
 

    Notti
   
     Camere
    
 

    Adulti

    

     Bambini

    

Età bambini

   

Il clima: Ischia, gemma climatica d’Italia
L’isola d’Ischia è caratterizzata da un clima marino che presenta una temperatura relativamente costante, escursioni giornaliere, stagionali e annue meno pronunciate rispetto a quello dell’entroterra, piogge copiose che però non hanno una lunga durata, una stabile pressione atmosferica, brezze e venti con direzione alterna terra-mare, un’elevata quantità di ossigeno e, infine, forte elettrizzazione dell’aria. Non vi è dubbio che il clima può essere considerato uno dei fattori fondamentali che rende Ischia un’isola così speciale e, soprattutto, così ambita da una crescente e variegata domanda turistica. In effetti, il clima ischitano è di tipo mediterraneo, determinato da una pluralità di fattori: la posizione rispetto al Continente, la morfologia estremamente varia e mossa, e la vegetazione che, nonostante sia diminuita a causa delll’abusivismo edilizio, oggi fortunatamente quasi del tutto debellato, risulta ancora ricca e lussureggiante. Se si confronta il clima dell’isola, sia d’estate che d’inverno, con quello di Napoli, Sorrento o Costiera Amalfitana, risulta chiaramente che ad Ischia è presente un clima molto più mite d’inverno e decisamente più fresco d’estate, grazie essenzialmente all’azione moderatrice prodotta dal mare che riesce a mitigare alquanto gli eccessi termici stagionali. La morfologia dell’isola, articolandosi in modo così vario, oltre ad offrire un paesaggio peculiare, favorisce una particolare circolazione dell’aria locale, provocando “interessanti fenomeni di differenziazione nelle precipitazioni”. In effetti, a tal riguardo, C. Mennella, uno dei tanti studiosi che si sono interessati degli effetti climatici dell’isola, nel suo libro “L’isola d’Ischia: gemma climatica d’Italia”, ha opportunamente messo in evidenza il fatto che Ischia è caratterizzata da tanti “microclimi”. In pratica, su tutto il territorio dell’isola è possibile rilevare da una zona all’altra una differente temperatura che influisce in maniera distinta sulla stessa coltivazione della vite, la coltura dominante e peculiare del paesaggio agrario ischitano.